Recensione: Wu Ming 1, La macchina del vento

Wu Ming 1
LA MACCHINA DEL VENTO
Edizioni Einaudi, € 18,50

Un giovane laureando propone come argomento della sua tesi i mari e gli arcipelaghi italiani nei miti classici come spazi di incontro e di meticciato, facendo inorridire il relatore. Arrestato e processato, viene mandato al confino a Ventotene, dove incontra Sandro Pertini e Spinelli, Rossi e Colorni, impegnati nella discussione e nella stesura del loro Manifesto. Ma lui si ostina anche a vedere Poseidone e Ares schierati con i militi fascisti, e Ermes e Atena a fianco dei confinati. Non può mancare, nell’isola del vento, Eolo, e c’è pure un sedicente inventore della macchina del tempo…

Continua a leggere


Recensione: Dave Eggers, La parata

Dave Eggers
LA PARATA
Edizioni Feltrinelli, pp. 140, € 9
Traduzione di Francesco Pacifico

Quattro e Nove, i nomi dei due protagonisti di questo romanzo, sono gli spettatori ininfluenti dell’occidente che porta la civiltà in paesi arretrati. E quale miglior simbolo della civiltà se non una strada, una bella strada da asfaltare, lunga più di 200 km che i nostri due, Quattro a bordo dell’RS80 e Nove a cavalcioni di un quad, devono realizzare in dodici giorni, per rendere possibile la parata con la quale il capo del governo suggellerà la pace tra le due fazioni in lotta per il controllo del paese.

Continua a leggere


Recensione: Padre Alfonso Maria Tava, Come smettere di bestemmiare

Padre Alfonso Maria Tava
COME SMETTERE DI BESTEMMIARE
Edizioni Il Saggiatore, pp. 174, euro 9,90

All’appressarsi dell’interruzione vacanziera, ho pensato bene di offrire all’inclito pubblico della libreria questo prezioso libricino che affronta un tema scottante, soprattutto nella bergamasca: quello delle imprecazioni indebite nei confronti della divinità; un tema cui le vostre assolate vacanze potrebbero riservare un angolino. Il nostro tonacato affronta la questione a 360 gradi.
Si inizia con il perché si bestemmia; Padre Alfonso Maria Tava riporta le 12 situazioni tipo in cui è facile cadere nel peccato che, stando alle sue parole, testimonia dell’esistenza del maligno. Si va quindi dalla bestemmia come ricerca di conforto alla bestemmia a puro scopo di intrattenimento, dalla bestemmia come forma di perpetuazione delle tradizioni locali, alla bestemmia come mezzo per agevolare l’accettazione sociale.

Continua a leggere


Recensione: P. Christin e S. Verdier, Orwell

Pierre Christin e Sébastien Verdier
ORWELL
Edizioni L’ippocampo, pp. 148, € 19,90
Traduzione di Fabiano Ascari

Non so quanto interesse la vita di George Orwell possa suscitare oggi in un clima così diverso. Eppure, chi volesse trovare un modello di comportamento per quella figura ormai desueta che è l’intellettuale, in Orwell troverebbe sicura fonte d’ispirazione. Gli autori sono coadiuvati nella realizzazione dei disegni da nomi famosi – cito Bilal e Larcenet – che rendono molto bene quel senso di vicinanza ai più umili che lo scrittore inglese dimostrò nel corso della sua vita. Una vicinanza però non succube; Orwell non aveva il mito del povero-ma-buono.

Continua a leggere


Recensione: Ruska Jorjoliani, Tre vivi, tre morti

Ruska Jorjoliani
TRE VIVI, TRE MORTI
Edizioni Voland, pp. 196, € 16

Gradevole sorpresa la giovane autrice georgiana. Approdata a Palermo dalla Georgia nel 2007, dona ai lettori una storia scritta in un italiano curato e di buona fattura, come quasi necessaria conseguenza degli illustri nomi che nomina alla fine della storia come fonti ispiratrici: Svevo, Gadda, Praz e Pontiggia, tra gli altri.
La storia, dicevamo, è di estrema originalità e per certi aspetti fuori dal tempo, ovvero si svolge in un tempo passato che solo le assidue frequentazioni letterarie di cui sopra possono avere ispirato alla giovane scrittrice.

Continua a leggere


Recensione: Alice Milani, Marie Curie

Alice Milani
MARIE CURIE
Edizioni Becco Giallo, € 22

La vita di Marie Curie, all’anagrafe Maria Salomea Skłodowska, raccontata attraverso i disegni e le parole di Alice Milani, porta alla conoscenza di tutti il percorso di una donna energica e capace che, pur tra mille difficoltà, è riuscita ad affermarsi in un ambiente estremamente ostile alle donne come quello della ricerca scientifica di inizio ‘900. Dagli inizi difficoltosi nella Polonia occupata dalle truppe sovietiche al trasferimento a Parigi, dall’umile lavoro di domestica agli studi alla Sorbona, la tesi di dottorato e gli studi sulle radiazioni.

Continua a leggere


Recensione: Clara Usón, La figlia

Clara Usón
LA FIGLIA
Edizioni Sellerio, pp. 485, € 16
Traduzione di Silvia Sichel

Quello che ho trovato più inumano in questo libro – un libro che esibisce le possibilità di cui la disumanità dispone per agire nel mondo – è il repentino cambiamento nei rapporti tra vicini generato dall’odio etnico. Qualunque persona dotata di ragione sa che siamo tutti uguali, in essenza, è solo l’accidente che ci rende ciò che siamo ma questo non deve fare dimenticare l’uguaglianza di partenza. Ebbene, la guerra di Bosnia-Erzegovina riuscì in breve tempo a fare dimenticare tutto questo. Persone che erano vissute per decenni l’una accanto all’altra smisero di parlarsi, di salutarsi: e poi iniziarono ad ammazzarsi.

Continua a leggere


Recensione: F. Memo e B. Borlini, La vita che desideri

Francesco Memo e Barbara Borlini
LA VITA CHE DESIDERI
Edizioni Tunué, pp. 322, € 29

I tre volti in copertina sono i tre protagonisti di questo emozionante romanzo a fumetti che, senza banalizzare ma anzi andando al fondo della questione, parla dell’Italia tra la prima guerra e la fine della seconda. Le vite di questi tre uomini si intrecciano tra le crudeltà della vita in trincea, l’incoffessabilità dell’amore omosessuale nell’Italia fascista e i morti della guerra partigiana.

Continua a leggere


Recensione: Paola Cadelli, Il giardino delle verità nascoste

Paola Cadelli
IL GIARDINO DELLE VERITÀ NASCOSTE
Edizioni L’asino d’oro, pp. 335, € 15

Un faro che si affaccia su un giardino di ciliegi è il luogo ove si svolge il romanzo di Paola Cadelli. Il facile riferimento a Chekov è giustificato sia da uno dei protagonisti della vicenda, Giacomo, la cui passione per i libri fa da collante a tutta la trama, sia dallo svolgimento stesso, che è la fotografia di una famiglia in crisi che però, a differenza di Chekov, riesce alla fine a salvarsi.

Continua a leggere


Recensione: Gianluca Morozzi, Dracula e io

Gianluca Morozzi
DRACULA E IO
Edizioni Tea, pp. 246, € 15

Torna nella nostra rubrica Gianluca Morozzi, per regalarci un’altra volta alcuni giorni spensierati. Questa volta il protagonista è Ringo, scrittore di medio successo, proprietario di una fumetteria e dotato di tre amici per la pelle, con i quali vive in un piccolo palazzo nel centro di Bologna. Un altro appartamento della palazzina è occupato da un personaggio che non si vede quasi mai ma che in breve scopriremo: si tratta del conte Dracula. Già. Proprio il protagonista del classico di Bram Stoker che, immortale, continua a gironzolare per il mondo portando avanti un’eterna sfida contro il suo rivale, il Primo. I nostri quattro verranno ovviamente coinvolti, e a questo coinvolgimento si intreccia una trama parallela, che mantiene vivo l’interesse del lettore fino alla fine.

Continua a leggere