Recensione: Daniele Antonietti, Nerd

Daniele Antonietti
NERD
Edizioni Besa Muci, pp. 365, € 21

Luca Brunoni, il protagonista di Nerd, è guidato da un unico principio: occorre vivere senza accorgersi di vivere. Detto così, sembra proprio una stronzata, ma dal punto di vista pratico presenta una certa quantità di indiscutibili vantaggi. Tutta la vita del nostro, ed anche ogni capitolo del libro, sin dall’iniziale incontro nel club di tennis ove Luca domina con l’autorevolezza dei suoi 67 anni, ha il nome di una donna ed è proprio rincorrendo le donne che Luca Brunoni giunge al proprio destino di sessantasettenne.

Continua a leggere


Recensione: Steve Yarbrough, Il regno delle ultime possibilità

Steve Yarbrough
IL REGNO DELLE ULTIME POSSIBILITÀ
Edizioni Nutrimenti, pp. 283, € 18
Traduzione di Veronica La Peccerella

Cal e Kristin si spostano dalla California al Michigan; in Americana, se perdi il lavoro, ti sposti dove ne trovi un altro. Lei lavora da amministrativa all’università, lui è disoccupato ma sistema la casa che hanno comprato. Due persone con vite normali apparentemente, ma che celano a se stesse e al proprio compagno – o almeno credono – una lunga serie di delusioni. Ne esce una storia non proprio entusiasmante, dove il tratto dominante mi pare sia la costante perdita di speranze per il futuro. Uno dei protagonisti che emergono dal paesino, Matt, racconta in un breve squarcio della sua passione per un racconto breve di Richard Yates, l’autore di Revolutionary road.

Continua a leggere


Recensione: Graham Greene, Il treno per Istanbul

Graham Greene
IL TRENO PER ISTANBUL
Edizioni Sellerio, pp. 333, € 14
Traduzione di Alessandro Carrera

Con questo romanzo, pubblicato nel ‘32, Graham Greene riesce a sfondare, arriva alla fama e da lì inizierà la sua carriera di scrittore. Ma questo risultato non lo ottiene producendo una storia banale, come spesso capita con i romanzi di successo, bensì creando una vicenda che, basata su uno svolgimento serrato, con personaggi rappresentativi di un’epoca, pare un monito su quello che sarebbe successo da lì a pochi anni.

Continua a leggere


Recensione: Tim Spector, Il mito della dieta

Tim Spector
IL MITO DELLA DIETA
Edizioni Bollati Boringhieri, pp. 322, € 14
Traduzione di Francesca Pe’

Un interessantissimo libro che mira a sfatare tutta una serie di leggende diffusissime ma prive di alcuna base scientifica – come ogni leggenda d’altronde. Il centro di tutto il discorso sta nello svelare il ruolo imprevisto dei microbi nell’intestino umano. Solo per dare dei numeri, sappiate che il peso totale dei microbi che ospitiamo si aggira sui 2 chili. La frase che riporto di seguito sintetizza in poche parole l’intento dell’autore: «È utile pensare alla comunità microbica come a un giardino di cui ciascuno di noi è responsabile. Dobbiamo assicuraci che il suolo (l’intestino) in cui le piante (i microbi) crescono sia sano e contenga abbondanti nutrienti; per impedire che le erbacce e le piante velenose (i microbi tossici o patogeni) prendano il sopravvento dobbiamo coltivare la più ampia varietà possibile di piante e semi.

Continua a leggere


Recensione: Percival Everett, Quanto blu

Percival Everett
QUANTO BLU
Edizioni La nave di teseo, pp. 314, € 20
Traduzione di Massimo Bocchiola

La traduzione letterale del titolo (in originale So much blue) è perfetta, lasciando al letture il compito di interpretare il plurivoco significato del colore. Perché in inglese il blu è sì un colore, ma anche uno stato d’animo (depresso), una disposizione dell’ambiente (tetro) più svariati altri significati contestuali. E il protagonista della storia, Kevin Pace, si trova a viverli tutti.
Conosciamo già Percival Everett per i suoi precedenti lavori, tutti di estremo interesse e piacevolissima lettura, e anche qui il lettore sarà soddisfatto; ma, se in Glifo siamo rimasti stupiti dalla cultura e dall’inventiva, in Cancellazione dalla densità del vissuto raccontato, in Deserto americano dall’originalità e dal tono dissacrante, qui restiamo impressionati dal blue.

Continua a leggere


Recensione: Don Robertson, Paradise Falls. L’inferno

Don Robertson
PARADISE FALLS. L’INFERNO
Edizioni Nutrimenti, pp. 933, € 22
Traduzione di Nicola Manuppelli

Il secondo volume del capolavoro di Don Robertson non delude il lettore. Tutte le aspettative suscitate dal primo libro (Il paradiso), edito nel 2018, vengono confermate. La sfida tra il vecchio (Ike Underwood) e il nuovo (C. P. Wells) prosegue nell’immaginaria contea di Paradise, un’arcadia che tenta di resistere all’implacabile procedere del nuovo. Numerosissimi personaggi animano la vita della cittadina e tra lotte sindacali, amori delusi e morti improvvise, si arriva senza accorgersene al termine dell’epopea; agli inizi del secolo XX, la lotta tra il vecchio e il nuovo prosegue con nuovi attori, che hanno il compito di illustrare al lettore le uniche certezze che il divenire del mondo ha lasciato ai suoi abitanti: tutto è possibile e tutto è mortale.

Continua a leggere


Recensione: Rowan Hisayo Buchanan, Innocua come te

Rowan Hisayo Buchanan
INNOCUA COME TE
Edizioni Codice, pp. 354, € 19
Traduzione di Fabio Viola

Questo romanzo racconta sia una vicenda familiare – un figlio che cresce senza la madre – sia una vicenda individuale – un’artista alla ricerca della sua realizzazione – e lo fa in modo convincente. Yuki e Jay, questi i nomi due due protagonisti, raccontano le loro vite rispettive, nella New York del ‘68 ed in quella odierna, intrecciando ad esse le persone che hanno avuto vicino e la loro ricerca di un senso. Questo pare proprio essere il punto chiave, la ricerca del senso.

Continua a leggere


Recensione: Celeste Ng, Quello che non ti ho mai detto

Celeste Ng
QUELLO CHE NON TI HO MAI DETTO
Edizioni Bollati Boringhieri, pp. 268, € 12
Traduzione di Manuela Faimali

Posso ringraziare la sorte di avermi fatto leggere per primo il secondo libro edito in Italia di Celeste Ng. Se così non fosse stato, se avessi cioè letto nel 2016 quest’opera prima, probabilmente mi sarei sentito poco motivato a leggere il secondo, l’eccezionale Tanti piccoli fuochi. Eppure, proprio alla luce del secondo, quest’opera prima, acerba e stiracchiata, in più punti forzata e connotata da una certa leggerezza nel tratteggiare i caratteri dei personaggi, si lascia leggere con piacere.

Continua a leggere


Recensione: Gian Arturo Ferrari, Ragazzo italiano

Gian Arturo Ferrari
RAGAZZO ITALIANO
Edizioni Feltrinelli, pp. 310, € 18

Questo bellissimo – sarà banale ma non ci sono parole più adeguate – esordio di uno scrittore smentisce uno dei più solidi tra i miei pregiudizi sulla letteratura; cioè che solo l’età prima, o la giovinezza o, al milite, la maturità, consentono la creazione di libri che valga la pena di leggere. Solitamente gli scrittori con tante primavere alle spalle non danno bella prova di sé. Ebbene, Gian Arturo Ferrari racconta la vita di un ragazzo, Ninni, dal primo dopoguerra agli anni ‘60 e, facendo questo, dimostra che invece si-può-fare.

Continua a leggere


Recensione: Tom Gauld, Dipartimento di teorie folgoranti

Tom Gauld
DIPARTIMENTO DI TEORIE FOLGORANTI
Edizioni Mondadori, € 19
Traduzione di Francesca Crescentini

Niente numero di pagine, questo non è un romanzo, non dovrete valutarne la lunghezza per stimare se avete il tempo, non dovrete calcolare il rapporto quantità prezzo che in molti casi è opportuno fare; si tratta solo di vignette, e tutte ambientate nel dorato mondo della ricerca scientifica. È difficile sintetizzare a parole un libro eminentemente visivo, ma i titoli selezionati in una vignetta per il book club di erotismo scientifico (L’assistente di laboratorio di Lady Chatterly, Le 120 giornate di sodioma, Cinquanta sfumature di grafene) dovrebbero bastare a dare il tono.

Continua a leggere