Andarperlibri: Clown, Quentin Blake, Edizioni CameloZampa

51no+D5LckL._SX356_BO1,204,203,200_

TESTO: QUENTIN BLAKE
TITOLO: CLOWN
EDITORE: CameloZampa
PREZZO: € 15,00 

Il piccolo CLOWN non ne vuol sapere di finire nella spazzatura insieme agli altri giocattoli di pezza, appartenuti ad un bambino che forse non li vuole più; da buon saltimbanco qual è, in un balzo fugge dal bidone e frugando qua e là trova un paio di scarpe che indossa per percorrere le strade della città… Sorridente spera di trovare nuovi amici, incontrare altri bambini ed una nuova casa dove stare, ma regolarmente viene preso e buttato via.
Eppure lui sa di avere ancora tanta gioia da dare e non molla. Dopo mille peripezie,  arriva finalmente nella casa giusta, in una famiglia  “sgualcita” almeno quanto lui, dove un Clown, sia pur piccolo e stropicciato, può fare la differenza riportando il sorriso con fantasia, creatività e buonumore.
Quante parole e quanti messaggi in questo Silent Book! (altro…)


Recensione: Giampaolo Simi, La ragazza sbagliata, Sellerio

8008-3Giampaolo Simi, La ragazza sbagliata
Sellerio, pp. 386, euro 15

Un giornalista travolto dalle nuove tecnologie e la figlia di un artista alla moda sono i protagonisti dell’interessante noire di Giampaolo Simi. Con una scrittura che guadagna mano a mano, Simi ci introduce nella vita di Dario Corbo, direttore di giornale sconfitto dagli interessi politici che regolano la vita dei quotidiani nel nostro paese, e di Nora Beckford, quarantenne con quindici anni di galera alle spalle per l’omicidio della diciottenne Irene; omicidio che le venne imputato, dopo un’assoluzione di primo grado, grazie al lavoro investigativo di Corbo. Ora, dopo quindici anni, l’assassina torna in libertà e Corbo, in condizioni esistenziali non proprio ottimali, viene riesumato da chi ha interesse a che la vicenda riprenda spazio nell’interesse pubblico.
Simi è bravo nel collocare l’omicidio in contemporanea con le stragi mafiose che macchiarono gli anni ’90 nel nostro paese. E’ bravo anche a costruire lentamente i personaggi, rendendoli credibili. Lo stesso Dario Corbo procede gradualmente alla scoperta della verità per giungere, alla fine, a dubitare dell’esistenza di una verità. E, come chiunque giunga a questa conclusione, ne resta notevolmente amareggiato.


Sabato 10 novembre: Ascoltando la voce del silenzio

Sabato 10 novembre 2018 – ore 20.30 –  NECESSARIA ISCRIZIONE
presso Spazio Terzo Mondo

ASCOLTANDO LA VOCE DEL SILENZIO

10nov

Viaggiando attraverso i poetici luoghi silenziosi dei libri illustrati per immergersi in mondi intimi, lasciamo frastuoni e rumori alle spalle per esplorare paesaggi del silenzio.
La serata è rivolta agli adulti, in particolare a coloro che intendono approfondire il tema del silenzio in ambito educativo. Possono partecipare anche i bambini dai 7 anni in su accompagnati dai loro genitori.

a cura di
Ursula Grüner, esperta di letteratura per l’infanzia
Elena Longo, psicologa e psicoterapeuta

€ 12,00 a persona
è possibile cenare presso la libreria a partire dalle 19


Martedì 6 novembre: Si può essere giovani almeno due volte!

Martedì 6 novembre 2018 – ore 16.30 –  NECESSARIA ISCRIZIONE
presso Spazio Terzo Mondo

SI PUÒ ESSERE GIOVANI ALMENO DUE VOLTE!
libri e merenda per nonni e nipoti

sipuoess
CINELIBRO

lettura e proiezione di libri illustrati

NONNI E NONNE CHE LEGGONO CON I NIPOTI

CONSIGLI DI LETTURA

a cura di
Ursula Grüner, esperta di letteratura per l’infanzia
Lory Biffi, libraia

€ 8,00 a persona (merenda compresa)


Lunedì 5 novembre: Il buon viaggio

per “LIBRI, CONFRONTI, CAPPUCCINO E BRIOCHES
Lunedì 5 novembre 2018 – dalle 9.30 alle 11.00 –  NECESSARIA ISCRIZIONE
presso Spazio Terzo Mondo

IL BUON VIAGGIO
in cammino sul sentiero della vita

5nov

La lettura di libri illustrati incrociati con libri di narrativa per ragazzi e adulti ci offrirà gli spunti per la condivisione di pensieri sui temi della crescita, dell’educazione e non solo. Sarà un confronto aperto a tutti coloro a cui piace incontrarsi dialogando e non ultimo, accolti nella calda atmosfera della libreria-caffetteria, ci gusteremo una  squisita colazione.

A cura di Ursula e Lory

Ursula, laureata in pedagogia sociale ed esperta di letteratura per l’infanzia, con il suo lavoro di educatrice e formatrice da anni accompagna adulti e bambini nei primi mesi ed anni di vita.
Lory, libraia, da anni accompagna gruppi di lettura e sarà sempre la vostra persona di fiducia all’interno della libreria.

Costo dell’appuntamento: € 8,00 (colazione compresa)


Venerdì 26 ottobre: “La musica nel tempo. Una storia dei Beatles”.

Venerdì 26 ottobre – ore 21 – ingresso libero
allo Spazio Terzo Mondo

beatlesLa musica nel tempo. Una storia dei Beatles
di Ferdinando Fasce
Einaudi editore

Ferdinando Fasce, insieme a Michele Dal Lago, Robi Zonca e Paolo Barcella, discuterà del suo saggio “La musica nel tempo. Una storia dei Beatles”. 

«La vertiginosa ascesa dei Beatles, da Liverpool, nord periferico di un paese ormai alla fine dell’Impero, agli Stati Uniti, nuova potenza egemone globale, al mondo, fra musica, cultura e società. Una storia che forgiò la grammatica emotiva con la quale una generazione di teenager lanciò la sfida di nuove forme del vivere e dello stare insieme. Una storia di rapporti culturali, di produzione e consumo di musica, di concerti, incisioni e strepiti di ragazze e ragazzi attraverso l’Atlantico, sullo sfondo della guerra fredda e del Vietnam, delle agitazioni razziali e giovanili. La storia di come quattro talentuosi fan del rock’n’roll divennero musicisti e poi star, conquistarono l’autonomia autoriale che rivoluzionò il modo di fare musica incrociando e influenzando le speranze, le inquietudini, i furori di un’età in fermento. In un difficile equilibrio fra successo e ricerca di sé, convergenze e tensioni di pubblico e privato, seduzioni dell’establishment, ribellismo giovanile, aspirazioni artistiche e alla celebrità».


Recensione: Kjell Westo, Miraggio 1938, Iperborea

Kjell Westo, Miraggio 1938

Iperborea, pp 409, euro 18.50

Traduzione Laura Cangemi
Confesso che non sapevo nulla della travagliata storia della Finlandia, prima provincia svedese passata poi alla Russia e poi devastata da una guerra civile tra bianchi e rossi. Questa storia è accennata dal particolare punto di vista, dialettico, dell’avvocato Claes Thune e della sua segretaria appena assunta Mathilda Wiik. Mathila,  si capisce subito, ha un passato doloroso che interferisce sulla sua stabilità emotiva. L’avvocato, d’altro canto, è appena stato lasciato dalla moglie, uno spirito libero nell’Europa a cavallo tra le due guerre. Anche la sua emotività non è certo delle migliori.

Il modo in cui queste due persone entreranno in relazione non è quello che può supporre uno smaliziato europeo del XXI secolo; ricordiamo che siamo in Finlandia nel 1938, un’epoca in cui la divisione di classe aveva ancora un significato. A questo dettaglio, si aggiunge la vicenda, storicamente certificata, che accorse al nipote di uno degli amici intimi di Thune. Abraham Tokazier, questo è il nome del nipote, venne estromesso dai giochi olimpici che si sarebbero dovuti tenere a Helsinki nel ’40 – saranno ricuperati nel ’52 – perché ebreo. Questo fatto serve a ricreare il clima di quegli anni in Finlandia, con il rampante nazismo che schiacciava sotto di sé le richieste di correttezza e garbo dei liberali vecchio stampo, come il nostro avvocato. Le dimensioni sociale e personale si rincorrono così fino al tragico finale – un po’ troppo repentino – ma tant’è. Restiamo con l’avvocato, dubbioso su quello che è successo, ignaro di quello che succederà, emblema della borghesia liberale che stava per consegnare l’Europa e il mondo intero a sette anni di guerra e atrocità; ma davvero credevano fosse un miraggio?


Venerdì 19 ottobre: Fuori Campo, una serata con Medici Senza Frontiere.

Venerdì 19 ottobre – dalle ore 18.30 – ingresso libero
presso Spazio Terzo Mondo

43498511_2195303907211465_2952549373277372416_nMedici Senza Frontiere Bergamo
Presentazione di Fuori Campo: mappa degli insediamenti

informali di migranti e rifugiati in Italia.

Aperitivo solidale a partire dalle 18:30 e parte del
ricavato sarà devoluto a Medici Senza Frontiere

 

Dalle ore 20:00 inizieranno le testimonianze.

Interverranno:
Giulia Virdis: cross-border Migration Officer che si occupa del monitoraggio della situazione alle frontiere come parte del progetto “Fuori Campo”.

Guido Ortelli: psichiatra e operatore umanitario. Ha collaborato al progetto di supporto psicosociale e primo soccorso psicologico di MSF a Trapani.

Valentina Tamborra: ha realizzato il progetto “La sottile linea rossa”, in collaborazione con Medici Senza Frontiere.

Modera l’evento Andrea Valesini, caporedattore de L’Eco di Bergamo.

Durante la serata sarà presente un desk con materiale informativo a cura dei volontari del Gruppo di MSF di Bergamo.

Ingresso gratuito.

Per informazioni:
Info.bergamo@rome.msf.org
3454638171
www.facebook.com/bergamo.msfr


Sabato 20 ottobre: Cheers, una serata con Livin’ Language.

Sabato 20 ottobre – dalle ore 19.30 – necessaria iscrizione
allo Spazio Terzo Mondo

livinLivin’ Language Nights
Live it – Love it

“CHEERS”, she said raising her glass!

Una serata per condividere un buon bicchiere di vino.
Raccontiamolo insieme, facciamo un brindisi!

Hai voglia di passare una serata divertente in compagnia e conoscere nuove espressioni per dialogare in inglese? Hai mai avuto la sensazione che ti manchino le parole quando vuoi socializzare con i tuoi clienti, quando vai all’estero e hai in programma una serata fuori, oppure in vacanza? Ecco la serata perfetta per mettere il turbo al tuo English after work: Descrivere i vari tipi di vino Fare un brindisi Socializzare Chiacchierare Per una serata di grande divertimento, in cui migliorare l’inglese gustando un buonissimo buffet…e il vino è incluso.

Quota partecipazione 30 euro.
Dove? Alla Libreria Spazio Terzo Mondo, in via Italia 73 a Seriate, dalle ore 19.30

Tutti i livelli sono benvenuti ma i posti sono limitati!
Chiamaci per conferma al numero +39 3883039524, oppure scrivici a info@livin-language.com.


Recensione: Zigmunds Skujins, Come tessere di un domino, Iperborea

Zigmunds Skujins, Come tessere di un domino

Iperborea, pp. 364, euro 18.50

Traduzione Margherita Carbonaro

Questo libro parla di un paese di cui sapevo poco, ma io so poco di quasi tutti i paesi extra seriate, ma di questo paese, dopo avere letto il libro, m’è venuta voglia di sapere qualcosa di più, che è in fondo il mezzo che mi ha permesso di sapere qualcosa di alcuni paesi, quelli suoi quali ho letto dei libri e che non sono Seriate. Questo paese è la Lettonia e la storia contenuta in questo libro si svolge per l’appunto in Lettonia in due distinte fasi, due momenti distanti nel tempo, uno a cavallo dei secoli XVIII e XIX e l’altro a cavallo della seconda guerra mondiale, nel senso che la guerra è il cavallo e la storia inizia un po’prima e finisce un po’ dopo. Stando alle parole dell’autore, il cui cognome è scritto in maiuscolo sulla copertina del libro con anche un accento sotto la enne, mi io non ho una tastiera con quei caratteri e quindi ve lo dico così, en passant, la Lettonia è un paese cosmopolita, democratico, aperto agli altri che però ha dovuto sottostare a dominazioni infelicissime, ultima quella russa dopo quella nazista, e alla dominazione russa è dovuta la scomparsa di uno dei personaggi della seconda parte, ma non voglio anticiparvi niente. Nella prima parte invece assistiamo ad un trucco ingegnoso ma al quale solo una sprovveduta come la nobildonna Waltraute, nobile tedesca nelle terre lettoni all’epoca in cui la Lettonia apparteneva all’impero russo, poteva abboccare. Il trucco, oltre ad essere divertente, cala anche il romanzo in un’atmosfera vagamente surreale, il che non è un bene per la seconda parte, che è invece estremamente reale, descrivendo la crescita del protagonista affiancato dallo stravagante zio, proprietario di una ditta di pompe funebri, la misteriosa zia, che poi si scoprirà amante dello zio, e un fratello esotico, che, provenendo dal Giappone approda alla villa di famiglia all’età di 10 anni e accompagna il protagonista all’ingresso nel mondo occidentale. L’influenza della parte surreale su quella reale è comunque nefasta, poiché rende un po’ confuso tutto lo svolgimento e, anche se a detta della traduttrice e curatrice del volume, il signor Zigmunds Skujins è uno dei maggiori intellettuali lettoni viventi, io non mi stupisco che sia stato tradotto solo in quattro lingue, inglese svedese e macedone oltre al fortunato idioma italiano. E’ comunque un ottimo romanzo se volete sapere qualcosa di più originale sulla storia della Lettonia, ma se non vi interessa la storia della Lettonia consiglierei un’altra lettura.