Recensione: Màrius Serra, Il romanzo di Sant Jordi

Màrius Serra
IL ROMANZO DI SANT JORDI
Edizioni Marcos Y Marcos, pp. 479, € 18
traduzione Beatrice Parisi

Il 23 Aprile a Barcellona si celebra San Giorgio, il Sant Jordi del titolo. Màrius Serra ambienta in questa giornata festosa un giallo classico, con una serie di morti che muovono i protagonisti alla ricerca del colpevole per le vie di una Barcellona affollata di turisti e appassionati di letteratura. Sì, perché il giorno di Sant Jordi è la festa annuale del libro e delle rose nella capitale catalana e l’atmosfera che si respira è abbastanza surreale.

Continua a leggere


Recensione: Giorgio Caponetti, Venivano da lontano

Giorgio Caponetti
VENIVANO DA LONTANO
Edizioni Marcos Y Marcos, pp. 298, € 12,00

Eccoci al secondo episodio delle indagine casuali di Alvise Pavari Dal Canal, il simpatico professore di ippologia che da Venezia questa volta si sposta a Tuscania per aiutare un collega etruscologo che gli ha chiesto aiuto. Quando arriva in loco però, dopo un salutare pranzo in una delle famose osterie dell’Etruria, andando al sito dove l’amico sta lavorando, lo trova morto.

Continua a leggere


Recensione: Giorgio Caponetti, Quando l’automobile uccise la cavalleria

Giorgio Caponetti
QUANDO L’AUTOMOBILE UCCISE LA CAVALLERIA
Edizioni Marcos Y Marcos, pp. 486, € 18,00

L’uccisione della cavalleria fu in primis un fatto economico. A fine ‘800 quasi tutti gli spostamenti si effettuavano tramite trazione animale; ma il progresso avanzava, e l’invenzione dell’automobile in una decina d’anni si fece sentire. Una parte, prima piccola ma in prospettiva già molto grande, delle risorse finanziarie prese la direzione dell’industria automobilistica.

Continua a leggere


Recensione: Giorgio Caponetti, Due belle sfere di vetro ambrato

Giorgio Caponetti
DUE BELLE SFERE DI VETRO AMBRATO
Edizioni Marcos Y Marcos, pp. 252, € 12,00

La leggenda narra che Bartolomeo Colleoni fosse affetto da poliorchidismo. Significativo a tale riguardo  l’emblema della casata, le famose tre palle. Partendo da questo dettaglio biografico, Giorgio Caponetti costruisce una divertente vicenda che vede coinvolti, oltre al condottiero, un ricco commerciante della repubblica veneziana, il figlio bastardo di Colleoni ed il cavallo su cui il condottiero è immortalato nella statua di Venezia.

Continua a leggere