Venerdì 05 Dicembre: incontro con Luisito Bianchi

Venerdì 5 dicembre ore 21.00

PIER CARLO RIZZI
presenta

LUISITO BIANCHI
autore del libro

I MIEI AMICI. DIARI (1968-1970)
Il lavoro, la Chiesa e il potere:
il diario di un prete in fabbrica e il suo tentativo
di fedeltà all’Evangelo.

L’autore di questo diario è un prete, che fa l’operaio: «L’esperienza della fabbrica […] era un fatto di coerenza: trovare il sostentamento nel lavoro per essere gratuiti nel ministero, per cercare di capire come poteva essere credibile la Chiesa. Io potevo esserlo, come persona, ma quello che mi interessava era che lo fosse la Chiesa. E quell’interrogativo rimane aperto ancora oggi, forse ancora di più».

Luisito Bianchi è nato a Vescovato nel 1927 ed è sacerdote dal 1950. È stato insegnante e traduttore ma anche operaio, benzinaio e inserviente d’ospedale. Ora svolge funzione di cappellano presso il monastero di Viboldone (Milano). Ha pubblicato: Salariati (1968), Gratuità tra cronaca e storia (1982), Dittico vescovatino (2001), Simon mago (2002), Dialogo sulla gratuità (2004) e Monologo partigiano (2004). Sironi ha pubblicato Come un atomo sulla bilancia e La messa dell’uomo disarmato, il suo grande romanzo sulla Resistenza, elogiato da critica e pubblico.

Pier Carlo Rizzi (alias «Marinaretto») è nato a Pontida il 10 aprile 1952. Fin da giovane scrive e lavora come analista di software. Per Garzanti ha pubblicato L’eredità dello zio Guido.

VENERDI’ 5 DICEMBRE 2008
ORE 21.00 – INGRESSO LIBERO
presso SPAZIO TERZO MONDO


Sabato 29 Novembre: doppio appuntamento dalle 18.00

SABATO 29 NOVEMBRE 2008: doppio appuntamento

Ore 18.00
Associazione nazionale di amicizia Italia-Cuba
è lieta di invitarvi all’ incontro – aperitivo con lo scrittore cubano

JULIO MIGUEL LLANES
che presenta il suo libro
“CHE GUEVARA FRA LETTERATURA E VITA”

Ore 21.00
palco libero con

THE POOL WINNERS
Quattro jazzisti della nascente scena bergamasca si ritrovano in un’inedita formazione per offrire un repertorio di soft jazz da camera che vada incontro alle richieste di decibel della polizia locale.
Si vuole così anche dimostrare che non c’è bisogno di suonare forte per produrre una musica coinvolgente. E che il jazz è più bello se non c’è l’happyhour! Ascoltare per credere.
Componenti:
Luca Casati – chitarra
Gabriele Rubino – clarinetto e sax
Dario Casati – contrabbasso
Raffaele di Gioia – percussioni

SABATO 29 NOVEMBRE 2008
ore 18.00 – incontro con l’autore
ore 21.00 – concerto
ingresso libero
presso SPAZIO TERZO MONDO


Andarperlibri. Recensione: Silei Fabrizio, “Alice e i Nibelunghi”, Salani editori

Andarperlibri.

Silvia e Ursula, le promotrici del corso “Andar per libri…“ forniranno in rete, informazioni e chiarimenti riguardo al vasto panorama editoriale legato al mondo dell’infanzia, più precisamente: dalla prima infanzia sino all’adolescenza, nonché recensioni di letture che le hanno fortemente interessate sia per la trama e i contenuti che per il profilo illustrativo.

Recensione.

Silei Fabrizio “Alice e i Nibelunghi”, Salani editori.

Alice, il fratello Riccardo e la mamma, si sono trasferiti a Roma. Riccardo stringe nuove amicizie con un gruppo di tifosi di calcio. La sorella non è tranquilla, il fratello è cambiato, si veste soltanto di nero e fa strani discorsi proprio da quando si è inserito nel misterioso gruppo “Nibelunghi”. (altro…)


Paolo Nori, Mi compro una gilera, Feltrinelli

Recensione
Paolo Nori, Mi compro una Gilera
Feltrinelli, pp. 127, euro 10

E’ successo che io mi sono messo a leggere questo libro, e quando ho iniziato non è che avessi una grande opinione preconcetta dello scrittore Paolo Nori, a dire il vero avevo un bel pregiudizio, lo ritenevo poca cosa, come quell’altro, suo sodale nello stile, quello che pubblica per Sellerio, Ugo Cornia che anche lui non mi convince anche se, come ho detto e scusate se qui mi cito, non è del tutto da buttare. E anche questo Paolo Nori non è del tutto da buttare, anzi, se inizi a leggerlo e ti lasci trascinare lo trovi infino divertente, anche se le cose che ti racconta non sono certo al livello di un Philip Roth, quello che per me è il maestro, o di un Marcel Proust, quello che è stato un maestro per tanti ma non per me, che l’ho trovato bello, appassionante, ma non magistrale perché unico. Anche James Joyce è unico, ma è molto più magistrale perché quando lo si legge si può intuire, e replicare, il suo metodo, e quindi è più un maestro perché si lascia replicare anche se non copiare; ma del resto ognuno ha il maestro suo, e Paolo Nori ne cita tanti, soprattutto della letteratura russa, che lui c’ha la fissa coi russi, visto che deve essersi laureato con studi sulla filologia russa, tra le altre materie. E dei russi ne cita tanti, ma questo ve lo racconto dopo.
(altro…)


Sabato 8 Novembre: presentazione del libro ‘Il Tappomondo’

Sabato 8 Novembre 2008 in collaborazione con l’Associazione TOTEM di Ponteranica

Presentazione del libro Il Tappamondo

Sarà presente l’autrice Anita Arrighi che farà divertire i bambini con giochi ed indovinelli

Che cos’è IL TAPPOMONDO?

Nasce da una concezione diversa di fare libri: da un contenitore a forma
cilindrica, come da un cappello magico di un mago, escono ben 22 personaggi intervallati
da una specie di fumetto.

I personaggi non sono altro che banali tappi di sughero, e questo “libro” è
una esortazione appunto a vedere oltre ciò che abbiamo davanti. Tirando una cordicella pian piano arrivano personaggi come il tappo Barbone, il Maraja, il Re, la Regina, e anche la famiglia “Tappi” dove tutti son rotondi e anche un po’ matti”!!!!

I bambini avranno così mille spunti per poter creare i loro personaggi e
inventarsi mille altre storie.

Ultima frase del libro: …. Che mondo speciale, non lo conoscevo, era
vicino e non lo vedevo!..

prova anche tu a bene guardare e molte sorprese potrai sempre trovare!