Recensione: Marco D’Eramo, Dominio

Marco D’Eramo
DOMINIO. La guerra invisibile dei potenti contro i sudditi
Edizioni Feltrinelli, pp. 256, € 19

Marco D’Eramo, giornalista del manifesto e persona di lunga esperienza nella sinistra italiana, ci offre un’interessante lettura di un fenomeno che è sotto gli occhi di tutti ma a cui nessuno sta dando voce: la vittoria della classe padronale sulle rivendicazioni della classe lavoratrice, intesa questa in senso molto ampio. D’Eramo sostiene, con parecchi elementi a favore di questa tesi, che la destra conservatrice ha risposto ai moti libertari che hanno percorso gli anni ‘60 con una precisa strategia ideologica.

Continua a leggere


Recensione: David Trueba, La canzone del ritorno

David Trueba
LA CANZONE DEL RITORNO
Edizioni Feltrinelli, pp. 366, € 18,00
Traduzione Pino Cacucci

Valutare la possibilità del ritorno del romanzo esistenzialista una volta terminata questa interessante stagione filosofica non è certo nostro compito, si può comunque osservare che la tematica dell’uomo che si pone domande circa il proprio agire, ne coglie la contraddittorietà, non si fa carico di questa contraddittorietà e continua a fare quello che gli capita, che è la versione coerente dell’esistenzialismo, ha avuto un ampio seguito nella storia della letteratura

Continua a leggere


Recensione: Marco D’Eramo, Il Selfie del mondo. Indagine sull’età del turismo, Feltrinelli.

Recensione

Marco D’Eramo
Il Selfie del mondo. Indagine sull’età del turismo
Feltrinelli, pp. 234, euro 22

Il commento a questo libro può iniziare con la frase di Beckett che Deleuze e Guattari pongono all’inizio dei Millepiani: ““Non viaggiamo per il piacere di viaggiare, che io sappia. Siamo stupidi, ma non fino a questo punto.” Questa frase lascia sospettare un certo snobistico disprezzo del turista, ma lascia anche intravedere una profonda verità. Molto spesso il viaggiare non è piacere puro

Continua a leggere


Recensione: Doris Lessing, Il sogno più dolce, Feltrinelli

Doris Lessing, Il sogno più dolce

Feltrinelli, pp. 455, euro 10,00

Traduzione Monica Pareschi

La vita di Doris Lessing fu complessa ed impegnativa. Questo libro, nelle sue parole la mancata terza parte della sua autobiografia – volontariamente non scritta per non offendere i diretti interessati – ne lascia trapelare i momenti salienti, opportunamente intrecciati con l’invenzione narrativa. La vicenda riguarda la vita di due donne, Frances e Julia,

Continua a leggere


Recensione: Jonathan Coe, Expo 58, Feltrinelli

Jonathan Coe, Expo 58
Feltrinelli, pp. 277
Traduzione Delfina Vezzoli
Jonathan Coe ha evidentemente smarrito la verve che lo animava nei suoi primi libri e propone in questo caso uno scipito romanzetto sulle occasioni perdute. Questo giudizio negativo sulla trama non può comunque togliere nulla alla qualità della scrittura, sempre ammirevole e al senso di déja vu che suscita leggere una storia ambientata

Continua a leggere


Recensione: David Harvey, L’enigma del capitale e il prezzo della sua sopravvivenza, Feltrinelli.

RECENSIONE

David Harvey, L’enigma del capitale e il prezzo della sua sopravvivenza
Feltrinelli, pp. 278, euro 25
Traduzione Adele Oliveri

 Questo libro nasce come una risposta alla recente crisi del sistema capitalistico internazionale; l’autore, un dotto professore, che da oltre quarant’anni tiene un corso monografico all’università di New York sul Capitale di Marx, cerca, attraverso pochi punti teorici e molti dati di fatto, di mostrare che le situazioni di crisi sono connaturate al capitalismo. In altre parole, non ci si può aspettare che una struttura economica nella quale pochi, sempre meno, detengono le  leve del potere, che Harvey ortodossamente identifica con i mezzi di produzione, possa portare il benessere a tutti. Andiamo con ordine.

“L’esplosione del debito a partire

Continua a leggere


Recensione: Calixthe Beyala, Gli onori perduti, Feltrinelli

Calixthe Beyala, Gli onori perduti

Feltrinelli, euro 8.50, pp. 366

traduzione Gaia Amaducci e Monica Martignoni

In genere il romanzo che si basa su una metafora rischia di scivolare nella banalità del messaggio noto tradotto in termini noti; ci si annoia leggendo storie che ti dicono cosa non va senza dirti chi è che non fa andare le cose. Quando invece, come per questo Gli onori perduti, ci troviamo di fronte ad

Continua a leggere