Recensione: Alessandro Robecchi, I cerchi nell’acqua

Alessandro Robecchi
I CERCHI NELL’ACQUA
Edizioni Sellerio, pp. 394, € 15

I due poliziotti protagonisti della vicenda, Carella e Ghezzi, sono due personaggi marginali nella saga che Alessandro Robecchi ha portato fino al settimo episodio. Per chi, come me, ha avuto la sbadataggine di non seguire dall’inizio le vicende che vedono coinvolto Carlo Monterossi in veste di protagonista e investigatore per caso, ha con questo romanzo un’ottima occasione per entrare nel mondo che Robecchi ha creato.

Continua a leggere


Recensione: Mark Z. Danielewski, Casa di foglie

Mark Z. Danielewski
CASA DI FOGLIE
Edizioni 66thand2nd, pp. 723, € 29
Traduzione di Sara Reggiani e Leonardo Taiuti

Affronto la recensione di questo mastodontico romanzo sfruttando gli apporti critici di Routledge (1992, pp. 324 sgg.) e sopratuttto Moskin (2007, pp. 19 sgg.). Il primo autore, noto critico letterario del New York Times, recentemente deceduto alla bell’età di 97 anni, sosteneva che la possibile sopravvivenza della letteratura in un mondo che si stava rapidamente spostando ad una dimensione prevalentemente visiva stava nella capacità di cogliere questo elemento, farlo proprio e utilizzarlo per mostrare la sua dannosità per il percorso di civilizzazione dell’uomo.

Continua a leggere


Recensione: John Smolens, Margine di fuoco

John Smolens
MARGINE DI FUOCO
Edizioni Mattioli 1885, pp. 254, € 16
Traduzione di Sebastiano Pezzani

La solita piccola cittadina americana; il solito vice sceriffo con figlio problematico; il solito trentenne che si innamora di una ragazzina, meglio, di una ragazza non-più-ragazza. Difficile trovare un altro modo di definire lo status di Hannah, che a diciotto anni s’è fatta mettere incinta da Sean e poi ha abortito. Questa situazione standard cambia all’arrivo di Martin, che è tornato a Whitefish Harbor per sistemare la casa lasciatagli dalla nonna; e cambia perché Martin si innamora di Hannah, e viceversa, cosa presa poco bene da Sean, che ritorna al paese dopo un anno a fare il militare in Italia. Il tutto vi si presenta ancor più intricato se vi dico che Sean è il figlio della sceriffo, il figlio problematico appunto.

Continua a leggere


Recensione: Emma, Bastava chiedere

Emma
BASTAVA CHIEDERE
Edizioni Laterza, pp. 186, € 18
Traduzione di Giovanna Laterza

Divertente e ben articolato, il collage di vignette della blogger francese Emma si lascia leggere con piacere e fornisce al lettore parecchi spunti per riflettere sul rapporto tra uomo e donna nella società occidentale contemporanea. Il libro si articola in dieci capitoli, struttura che vanta molti precedenti storici, ed in ognuno di essi l’autrice affronta le svariate situazioni che nella vita privata e nel lavoro costringono le donne ad assumere, anche involontariamente ed inconsapevolmente, una posizione di svantaggio rispetto ai maschi. Il tutto si spiega, a detta dell’autrice, in virtù di un duplice ordine di motivi.

Continua a leggere


Recensione: Rén, Non sono questi i problemi

Rén
NON SONO QUESTI I PROBLEMI
Edizioni BeccoGiallo, pp. 125, € 18

«Non sono questi i problemi», ecco cosa dice il padre della protagonista quando lei gli comunica di essere gay; un genitore comprensivo equivale ad un ragazzo/a che può affrontare con più agio un processo che può riservare diverse difficoltà, anche nell’Italia d’oggi, sicuramente più evoluta rispetto a quarant’anni fa: affermare una sessualità diversa da quella della maggioranza. Ma, sembra dirci l’autrice, anche se all’apparenza sono tutti disponibili e aperti, la discriminazione si annida dappertutto.

Continua a leggere


Recensione: Daniele Antonietti, Nerd

Daniele Antonietti
NERD
Edizioni Besa Muci, pp. 365, € 21

Luca Brunoni, il protagonista di Nerd, è guidato da un unico principio: occorre vivere senza accorgersi di vivere. Detto così, sembra proprio una stronzata, ma dal punto di vista pratico presenta una certa quantità di indiscutibili vantaggi. Tutta la vita del nostro, ed anche ogni capitolo del libro, sin dall’iniziale incontro nel club di tennis ove Luca domina con l’autorevolezza dei suoi 67 anni, ha il nome di una donna ed è proprio rincorrendo le donne che Luca Brunoni giunge al proprio destino di sessantasettenne.

Continua a leggere


Recensione: Steve Yarbrough, Il regno delle ultime possibilità

Steve Yarbrough
IL REGNO DELLE ULTIME POSSIBILITÀ
Edizioni Nutrimenti, pp. 283, € 18
Traduzione di Veronica La Peccerella

Cal e Kristin si spostano dalla California al Michigan; in Americana, se perdi il lavoro, ti sposti dove ne trovi un altro. Lei lavora da amministrativa all’università, lui è disoccupato ma sistema la casa che hanno comprato. Due persone con vite normali apparentemente, ma che celano a se stesse e al proprio compagno – o almeno credono – una lunga serie di delusioni. Ne esce una storia non proprio entusiasmante, dove il tratto dominante mi pare sia la costante perdita di speranze per il futuro. Uno dei protagonisti che emergono dal paesino, Matt, racconta in un breve squarcio della sua passione per un racconto breve di Richard Yates, l’autore di Revolutionary road.

Continua a leggere


Recensione: Graham Greene, Il treno per Istanbul

Graham Greene
IL TRENO PER ISTANBUL
Edizioni Sellerio, pp. 333, € 14
Traduzione di Alessandro Carrera

Con questo romanzo, pubblicato nel ‘32, Graham Greene riesce a sfondare, arriva alla fama e da lì inizierà la sua carriera di scrittore. Ma questo risultato non lo ottiene producendo una storia banale, come spesso capita con i romanzi di successo, bensì creando una vicenda che, basata su uno svolgimento serrato, con personaggi rappresentativi di un’epoca, pare un monito su quello che sarebbe successo da lì a pochi anni.

Continua a leggere


Recensione: Tim Spector, Il mito della dieta

Tim Spector
IL MITO DELLA DIETA
Edizioni Bollati Boringhieri, pp. 322, € 14
Traduzione di Francesca Pe’

Un interessantissimo libro che mira a sfatare tutta una serie di leggende diffusissime ma prive di alcuna base scientifica – come ogni leggenda d’altronde. Il centro di tutto il discorso sta nello svelare il ruolo imprevisto dei microbi nell’intestino umano. Solo per dare dei numeri, sappiate che il peso totale dei microbi che ospitiamo si aggira sui 2 chili. La frase che riporto di seguito sintetizza in poche parole l’intento dell’autore: «È utile pensare alla comunità microbica come a un giardino di cui ciascuno di noi è responsabile. Dobbiamo assicuraci che il suolo (l’intestino) in cui le piante (i microbi) crescono sia sano e contenga abbondanti nutrienti; per impedire che le erbacce e le piante velenose (i microbi tossici o patogeni) prendano il sopravvento dobbiamo coltivare la più ampia varietà possibile di piante e semi.

Continua a leggere


Recensione: Percival Everett, Quanto blu

Percival Everett
QUANTO BLU
Edizioni La nave di teseo, pp. 314, € 20
Traduzione di Massimo Bocchiola

La traduzione letterale del titolo (in originale So much blue) è perfetta, lasciando al letture il compito di interpretare il plurivoco significato del colore. Perché in inglese il blu è sì un colore, ma anche uno stato d’animo (depresso), una disposizione dell’ambiente (tetro) più svariati altri significati contestuali. E il protagonista della storia, Kevin Pace, si trova a viverli tutti.
Conosciamo già Percival Everett per i suoi precedenti lavori, tutti di estremo interesse e piacevolissima lettura, e anche qui il lettore sarà soddisfatto; ma, se in Glifo siamo rimasti stupiti dalla cultura e dall’inventiva, in Cancellazione dalla densità del vissuto raccontato, in Deserto americano dall’originalità e dal tono dissacrante, qui restiamo impressionati dal blue.

Continua a leggere