Recensione: Santiago Gamboa, Ritorno alla buia valle, e/o

Santiago Gamboa, Ritorno alla buia valle
e/o, pp. 459, euro 19
traduzione Raul Schenardi

Se si prestasse la dovuta attenzione anche ai titoli, oltre alle copertine, che sono quello che spinge il lettore medio all’acquisto, si potrebbe pensare che il protagonista di questo romanzo è un po’ tocco, che ritornare in una buia valle non è proprio una genialata, se la valle è buia scappi, ma tant’è, visto che il romanzo narra di ritorni verso luoghi non proprio ameni. Il primo luogo non ameno è la Colombia, dov’è nato Santiago Gamboa, che racconta che la Colombia è un luogo non ameno perché in Colombia c’erano le F.A.R.C., che è un movimento di liberazione del popolo dall’oppressione dei ricchi, nato nel ’64 a seguito dell’oppressione dei ricchi appunto, e Gamboa racconta, tramite lo scrittore che è uno dei protagonisti del romanzo, cosa significa vivere all’estero senza avere una vera patria ove tornare, e questa mancanza si riflette anche in altri protagonisti del romanzo, soprattutto Manuela, che è una ragazza che è scappata dalla Colombia per via di intricate vicende familiari che non vi sto a raccontare, ma alla base delle quali c’è l’estrema violenza che ha percorso il popolo colombiano negli anni delle F.A.R.C. e che adesso, che c’è stata la pace con le F.A.R.C., si vorrebbe venisse rimossa, dimenticata, ma non è facile dimenticare le violenze subite, sono cose che formano il carattere, come ci viene mostrato dalla vita del vero protagonista del romanzo, che è quello che cerca di tornare alla valle buia, che è Arthur Rimbaud, il poeta, proprio quello. La vita di Arthur Rimbaud mira al ritorno alla buia valle africana dove s’è costruito una vita, ma non lo sa, la vita di Rimbaud, che è a questo che mira, lo sappiamo noi che leggiamo a posteriori la sua vita, che è ricostruita in maniera mirabile da Gamboa, che è uno scrittore di un certo livello, molto più noto all’estero che in Italia, perché in Italia la letteratura sudamericana è solo Isabelle Alende e Gabriel Garcia Marquez, ed il livello di Gamboa gli permette di istituire dei parallelismi tra le vite dei vari protagonisti, compreso Rimbaud, e questi parallelismi mostrano i significati possibili della vita, che sono il ritorno e la ripetizione, da cui l’eterno ritorno di Nietzsche si conferma come la perfetta figura dell’uomo, mica paglia.


Andarperlibri: IL CALORE DELLA NEVE, Christian Galli, Tunuè Edizioni

41p1KS6YgEL._SX351_BO1,204,203,200_TESTO e ILLUSTRAZIONI: Christian Galli
TITOLO: IL CALORE DELLA NEVE
EDITORE: Tunuè
PREZZO: € 16.00

Una storia che racconta di una fuga e del viaggio che, tre ragazzi ed una ragazza, intraprendono all’inseguimento del fuggitivo,  fratello molto amato di uno di loro.
Confidano di sapere dove trovarlo e sperano di dissuaderlo dalla sua fuga. Il tutto accade in pieno inverno in un paese del Nord;  in una stagione così avversa,  i ragazzi si trovano a dover subire tempeste di neve,  affrontare  crepacci ed attraversare laghi ghiacciati. Tutte queste difficoltà,  li portano a  litigare a separarsi, ma poi a riunirsi ed aiutarsi, consolidando  l’amicizia che li lega. Riusciranno a riportare a casa il fuggitivo?…

Una grande avventura ed una bella storia di amicizia.

Di questo fumetto (o forse sarebbe meglio dire Graphic Novel?) Christian Galli,  ha curato il lettering, il testo e le illustrazioni  a matita colorata, dal tratto efficace e sofisticato nello stesso tempo.

Dai 12 anni

 

 

 


Andarperlibri: SOGNI D’ORO MIYUKI, R.M. Gallizie – S.S. Ratanavanh, Terre di Mezzo Editore

downloadTESTO: Roxane Marie Galliez
ILLUSTRAZIONI: Seng Soun Ratanavanh
TITOLO: SOGNI D’ORO MIYUKI
EDITORE: Terre di Mezzo
PREZZO: € 15.00

Sogni d’oro Miyuki, si potrebbe definire un libro che accompagna i bambini verso la nanna, se non fosse che è molto di più,  si tratta infatti di un albo dalle illustrazioni splendide e rigogliose, in stile orientale – l’illustratrice Seng Soun Ratanavanh è originaria del Laos – e coloratissimo.
La storia è semplice e tenera: la piccola Miyuki non vuole dormire perché ci sono ancora troppe faccende da svolgere prima di terminare la giornata. Il nonno, affettuoso e paziente, tenta di convincerla in tutti i modi ma, in realtà, non riesce a resistere alle sue stralunate richieste (costruire una casetta per la regina delle libellule, annaffiare le verdure giganti del giardino, radunare una famiglia di lumache, tessere la coperta per il gatto).
Racconto e illustrazioni si amalgamano alla perfezione dando vita ad un connubio d’arte visiva e parola decisamente armonioso e originale.

Dai 4 anni


Andarperlibri: STAVO PENSANDO, Sandol Stoddard – Ivan Charmayeff, TopiPittori Editore

download

TESTO: Sandol  Stoddard
ILLUSTRAZIONI: Ivan Chermayeff
TRADUZIONE: Bruno Tognolini
TITOLO: STAVO PENSANDO
EDITORE: TopiPittori
PREZZO: € 16.00

È passata l’estate, la frenesia delle cose è ricominciata.: Quella dei lunedì mattina, della fretta di tutti i giorni, della velocità scandita da ritmi sempre alla rincorsa di un orario preciso, della paura del traffico, delle sveglie che non suonano. E in tutto questo correre adulto, il tempo bambino, quel tempo sospeso fra realtà e mondo immaginato, collegamenti e pensieri altrettanto reali, ne fa  le  spese rischiando di essere calpestato dalla fretta. (altro…)


Recensione: Alain Bodiou, Alla ricerca del reale perduto, Mimesis

volti-badiou-ricerca-realta-perduta-1Alain Bodiou, Alla ricerca del reale perduto
Mimesis, pp. 52, euro 8
Traduzione Giovanbattista Tusa

Trovare il Reale, la sua natura intima, è uno dei punti più spinosi della storia della filosofia. Tolti i primi greci, tutti I filosofi che sono seguiti a Socrate hanno cercato di definire le modalità per giungere a questo benedetto reale. Esso è però sempre sfuggito. I motivi di ciò sono legati alle possibilità effettivi dell’uomo di agire in vista di questo scopo. L’uomo può infatti attingere il reale o immediatamente, per via sensibile, o mediatamente, per via concettuale; entrambe queste strade però, supponendo di poter inglobare l’opposto, si rivelano non fondate. (altro…)


Andarperlibri: IL LEONE DI NEVE, Jim Helmore – Richard Jones, Terre di Mezzo Edizioni

downloadTESTO: Jim Helmore
ILLUSTRAZIONI: Richard Jones
TITOLO: IL LEONE DI NEVE
EDITORE: Terre di Mezzo
PREZZO: € 15.00

Carol è una bambina piccola e molto timida; con la mamma si trasferisce in una nuova casa in cima ad una collina e tante sono le novità da scoprire, ma Carol si sente tanto sola e la sua timidezza non l’aiuta a trovare nuove amicizie.
All’improvviso un amico sconosciuto ed inaspettato la chiama e le propone di giocare insieme: è un grandissimo Leone bianco come la neve. Carol è finalmente felice e con Leone ogni giorno impara nuovi giochi divertendosi a montargli in groppa ed abbracciarlo. (altro…)


Recensione: Antonio Manzini, Pulvis et umbra, Sellerio

pulvis

Antonio Manzini, Pulvis et umbra
Sellerio, pp. 403, € 15,00

Incredibile dictu, il commissario Schiavone prosegue mantenendo la sua umanitate et simpatia, cosa né scontata né facile da trovare in omologhi della narrativa seriale, che, proprio in quanto seriale tende ad appiattirsi all’orizzonte lontano, ovvero a rendere i personaggi un po’ ripetitivi e noiosi, ma il nostro no, riesce a mantenere l’acidità di carattere e la noiristica negatività del vissuto, passato e presente, che del futuro nulla dir si puote, attendendo noi trepidanti il prossimo capitolo, che uscirà prima di Natale, per garantirgli le vendite, perché si sa, i libri si vendono solo a Natale. Una negatività annidata ad Aosta si unisce ad una sepolta a Roma, sepolta viva però, mi vien da dire, e che torna a minacciarlo, mentre cerca di portare luce su un omicidio avvenuto nella capitale della regione autonoma in una misteriosa casa, ove dimorano sei personaggi, ora cinque, ché uno è morto, tutti con qualcosa da nascondere al pubblico, che è la parte da tenere in considerazione in una città per bene come Aosta, e dato che il morto è un transessuale, morto con ogni probabilità mentre svolgeva l’antica professione, ecco che il commissario Schiavone si trova a muoversi con estrema cautela, essendo però la cautela a lui poco nota, ecco che scatta la dialettica tra la sua onestà e l’insincerità del suo intorno, superiori compresi, che devono piegarsi a più forti necessità, di cui però non vi dirò nulla altrimenti il libro non lo leggete. (altro…)


Dal 10 novembre al 23 febbraio: Festival Presente Prossimo

44215889_1858117197558105_9004271057707728896_nIl 10 novembre parte il Festival Presente Prossimo, giunto quest’anno all’undicesima edizione.
Come molti di voi sapranno è una iniziativa del Sistema Bibliotecario Valle Seriana (a cui collabora pure il Sistema della Bassa Pianura Bergamasca), ma forse non tutti sapete che da alcuni anni pure la nostra libreria collabora all’ideazione e all’organizzazione generale.
Il Festival si svolge nella forma dell’incontro con autori di primissimo piano sia della narrativa che della saggistica: tra gli altri, quest’anno parteciperanno Alessandro Barbero, Furio Colombo, Simona Vinci, Wu Ming, MariaPia Veladiano, “Elasti”, Marco Balzano, Roberto Cotroneo, Margherita Oggero e moltissimi altri; inoltre ci sarà una sottosezione dedicata alla montagna e al racconto della montagna a cui parteciperà il famosissimo Manolo.
Il programma è ricchissimo, vi invitiamo quindi a visitare il sito presenteprossimo.it oppure a collegarvi alla pagina Facebook dedicata al festival.
Insomma dove c’è buona cultura e buoni libri noi cerchiamo sempre di esserci. Speriamo di incontrare pure molti di voi!!


Venerdì 16 novembre: Il NUORO e gli #altri

Venerdì 16 novembre – ore 21 – ingresso libero
in collaborazione con AGEDO Bergamo
presso Spazio Terzo Mondo

PRESENTAZIONE DEL LIBRO IL NUORO E GLI #ALTRI CON L’AUTRICE RITA DE SANCTIS

616QEi3m-ZLLa natura e la storia sono cose diverse da come le viviamo quotidianamente. Spessissimo, scambiamo per naturale ciò che è consuetudine e per storia quello che ci viene tramandato dai vincitori.
Possono i “diversi” aspirare alla felicità oppure resteranno sempre figli di un Dio minore? Voglio credere di sì e, attraverso questo libro, cercare di dare una mano affinché questo avvenga.

Rita De Santis è prima di tutto una grande donna e una mamma eccezionale.
Da più di 30 anni lavora e si batte in difesa della dignità delle persone LGBT e dei loro diritti sia nella sua vita quotidiana che in AGEDO, di cui oggi è Presidente onoraria dopo essere stata per due mandati Presidente Nazionale.
L’abbiamo vista e ascoltata sul palco del Bergamo Pride e ora torna a Seriate per presentare il suo libro Il NUORO e gli #altri.

Introduzione e presentazione di Marina Noris e Lory Biffi.

È possibile cenare a partire dalle ore 19.30 – è consigliata la prenotazione allo 035 290 250